Posted on

NIKE

 

Scarpe – Uomo

Nike Air Max 90

Ottieni questo articolo con il tuo account NikePlus gratuito
Nike Air Max 90 Scarpa - Uomo
Accesso per i Member
Nike Air Max 90
Scarpa – Uomo
4 colori
141 €
Nike Blazer Mid ’77 Vintage

Nike Blazer Mid '77 Vintage Scarpa
Nike Blazer Mid ’77 Vintage
Scarpa
2 colori
101 €
Nike React Infinity Run Flyknit

Nike React Infinity Run Flyknit Scarpa da running - Uomo
Nike React Infinity Run Flyknit
Scarpa da running – Uomo
1 colore
161 €
Nike Zoom Gravity

Nike Zoom Gravity Scarpa da running - Uomo
Nike Zoom Gravity
Scarpa da running – Uomo
1 colore
101 €
Nike Air Max 90

Nike Air Max 90 Scarpa - Uomo
Nike Air Max 90
Scarpa – Uomo
4 colori
141 €
Nike Air Zoom SuperRep

Nike Air Zoom SuperRep Scarpa da HIIT - Uomo
Nike Air Zoom SuperRep
Scarpa da HIIT – Uomo
2 colori
121 €
Nike MX-720-818

Nike MX-720-818 Scarpa - Uomo
Nike MX-720-818
Scarpa – Uomo
2 colori
192 €
Jordan Aerospace 720

Jordan Aerospace 720 Scarpa - Uomo
Jordan Aerospace 720
Scarpa – Uomo
2 colori
202 €
Nike Renew Run

Nike Renew Run Scarpa da running - Uomo
Nike Renew Run
Scarpa da running – Uomo
5 colori
91 €
NikeCourt Air Zoom Vapor Cage 4

NikeCourt Air Zoom Vapor Cage 4 Scarpa da tennis per campi in terra rossa - Uomo
NikeCourt Air Zoom Vapor Cage 4
Scarpa da tennis per campi in terra rossa – Uomo
2 colori
151 €
Nike Air Max 270 React

Nike Air Max 270 React Scarpa - Uomo
Nike Air Max 270 React
Scarpa – Uomo
2 colori
161 €
Nike Air Max Plus

Nike Air Max Plus Scarpa - Uomo
Nike Air Max Plus
Scarpa – Uomo
1 colore
171 €
Nike Joyride Dual Run

Nike Joyride Dual Run Scarpa da running - Uomo
Nike Joyride Dual Run
Scarpa da running – Uomo
3 colori
131 €
Nike Air Zoom Pegasus 36

Nike Air Zoom Pegasus 36 Scarpa da running - Uomo
Nike Air Zoom Pegasus 36
Scarpa da running – Uomo
1 colore
126 €
Nike React Element 55

Nike React Element 55 Scarpa - Uomo
Nike React Element 55
Scarpa – Uomo
1 colore
131 €
Nike React Element 55

Nike React Element 55 Scarpa - Uomo
Nike React Element 55
Scarpa – Uomo
3 colori
131 €
Jordan Mars 270

Jordan Mars 270 Scarpa - Uomo
Jordan Mars 270
Scarpa – Uomo
1 colore
161 €
Jordan Jumpman 2020

Jordan Jumpman 2020 Scarpa da basket - Uomo
Jordan Jumpman 2020
Scarpa da basket – Uomo
1 colore
111 €
Jordan Max Aura

Jordan Max Aura Scarpa da basket - Uomo
Jordan Max Aura
Scarpa da basket – Uomo
3 colori
121 €
Nike Mercurial Vapor 13 Elite FG

Nike Mercurial Vapor 13 Elite FG Scarpa da calcio per terreni duri
Nike Mercurial Vapor 13 Elite FG
Scarpa da calcio per terreni duri
3 colori
252 €
Nike Mercurial Superfly 7 Elite FG

Nike Mercurial Superfly 7 Elite FG Scarpa da calcio per terreni duri
Nike Mercurial Superfly 7 Elite FG
Scarpa da calcio per terreni duri
4 colori
272 €
Nike Air Max Plus III

Nike Air Max Plus III Scarpa - Uomo
Nike Air Max Plus III
Scarpa – Uomo
2 colori
181 €
Nike Air Zoom Pegasus 36 Trail GORE-TEX

Nike Air Zoom Pegasus 36 Trail GORE-TEX Scarpa da trail running
Nike Air Zoom Pegasus 36 Trail GORE-TEX
Scarpa da trail running
1 colore
151 €
Nike Air Zoom Pegasus 36 Shield

Nike Air Zoom Pegasus 36 Shield Scarpa da running - Uomo
Nike Air Zoom Pegasus 36 Shield
Scarpa da running – Uomo
4 colori
131 €
Nike Air Force 1 ’07 WB

Nike Air Force 1 '07 WB Scarpa - Uomo
Nike Air Force 1 ’07 WB
Scarpa – Uomo
1 colore
121 €
Nike Air Force 1 High ’07

Nike Air Force 1 High '07 Scarpa - Uomo
Nike Air Force 1 High ’07
Scarpa – Uomo
1 colore
131 €
Nike Tiempo Legend 8 Elite FG

Nike Tiempo Legend 8 Elite FG Scarpa da calcio per terreni duri
Nike Tiempo Legend 8 Elite FG
Scarpa da calcio per terreni duri
3 colori
222 €
Jordan Mars 270

Jordan Mars 270 Scarpa - Uomo
Jordan Mars 270
Scarpa – Uomo
2 colori
161 €
Nike Air Force 1 ’07

Nike Air Force 1 '07 Scarpa - Uomo
Nike Air Force 1 ’07
Scarpa – Uomo
4 colori
101 €
Nike Air Max 270

Nike Air Max 270 Scarpa - Uomo
Nike Air Max 270
Scarpa – Uomo
2 colori
151 €
Nike Phantom Venom Elite FG

Nike Phantom Venom Elite FG Scarpa da calcio per terreni duri
Nike Phantom Venom Elite FG
Scarpa da calcio per terreni duri
3 colori
252 €
Nike SB Air Zoom Bruin Edge

Nike SB Air Zoom Bruin Edge Scarpa da skateboard
Nike SB Air Zoom Bruin Edge
Scarpa da skateboard
1 colore
96 €
Nike Premier II FG

Nike Premier II FG Scarpa da calcio per terreni duri
Nike Premier II FG
Scarpa da calcio per terreni duri
2 colori
101 €
Kyrie 6

Kyrie 6 Scarpa da basket
Kyrie 6
Scarpa da basket
3 colori
131 €
Nike Zoom Pegasus 36 Trail GORE-TEX

Nike Zoom Pegasus 36 Trail GORE-TEX Scarpa da trail running - Uomo
Nike Zoom Pegasus 36 Trail GORE-TEX
Scarpa da trail running – Uomo
2 colori
151 €
Nike Air Max Plus

Nike Air Max Plus Scarpa - Uomo
Nike Air Max Plus
Scarpa – Uomo
2 colori
171 €
NikeCourt Air Zoom Vapor Cage 4

NikeCourt Air Zoom Vapor Cage 4 Scarpa da tennis per campi in cemento - Uomo
NikeCourt Air Zoom Vapor Cage 4
Scarpa da tennis per campi in cemento – Uomo
5 colori
151 €
Air Jordan 1 Low

Air Jordan 1 Low Scarpa
Air Jordan 1 Low
Scarpa
2 colori
101 €
Nike Zoom KD12

Nike Zoom KD12 Scarpa da basket
Nike Zoom KD12
Scarpa da basket
2 colori
151 €
Scarpa da basket Jordan “Why Not?” Zer0.3

Scarpa da basket Jordan "Why Not?" Zer0.3 Scarpa da basket - Uomo
Scarpa da basket Jordan “Why Not?” Zer0.3
Scarpa da basket – Uomo
3 colori
141 €
Nike Air Force 1 LV8 Utility

Nike Air Force 1 LV8 Utility Scarpa - Uomo
Nike Air Force 1 LV8 Utility
Scarpa – Uomo
2 colori
111 €
Air Jordan 1 Mid

Air Jordan 1 Mid Scarpa
Air Jordan 1 Mid
Scarpa
3 colori
111 €
LeBron 17

LeBron 17 Scarpa da basket
LeBron 17
Scarpa da basket
2 colori
192 €
Nike SB Zoom Stefan Janoski RM

Nike SB Zoom Stefan Janoski RM Scarpa da skateboard
Nike SB Zoom Stefan Janoski RM
Scarpa da skateboard
3 colori
86 €
Nike Air Force 1 GORE-TEX

Nike Air Force 1 GORE-TEX Scarpa
Nike Air Force 1 GORE-TEX
Scarpa
3 colori
151 €
Nike Air Force 1 ’07

Nike Air Force 1 '07 Scarpa - Uomo
Nike Air Force 1 ’07
Scarpa – Uomo
2 colori
101 €
Nike Air Force 1 Mid ’07

Nike Air Force 1 Mid '07 Scarpa - Uomo
Nike Air Force 1 Mid ’07
Scarpa – Uomo
2 colori
111 €
Nike SB Air Max Stefan Janoski 2

Nike SB Air Max Stefan Janoski 2 Scarpa da skateboard - Uomo
Nike SB Air Max Stefan Janoski 2
Scarpa da skateboard – Uomo
undefined-colorway
undefined-colorway
undefined-colorway
121 €
Nike Air Max 1 G

Nike Air Max 1 G Scarpa da golf - Uomo
Nike Air Max 1 G
Scarpa da golf – Uomo
4 colori
121 €
Zoom Freak 1

Zoom Freak 1 Scarpa da basket
Zoom Freak 1
Scarpa da basket
1 colore
121 €
Nike Air Max 97 G NRG

Nike Air Max 97 G NRG Scarpa da golf
Presto disponibile
Nike Air Max 97 G NRG
Scarpa da golf
1 colore
202 €
Jordan Hydro 8 Paris Saint-Germain

Jordan Hydro 8 Paris Saint-Germain Ciabatta
Jordan Hydro 8 Paris Saint-Germain
Ciabatta
1 colore
66 €
Jordan Aerospace 720 Paris Saint-Germain

Jordan Aerospace 720 Paris Saint-Germain Scarpa - Uomo
Jordan Aerospace 720 Paris Saint-Germain
Scarpa – Uomo
1 colore
212 €
Nike Air Barrage Low

Nike Air Barrage Low Scarpa
Presto disponibile
Nike Air Barrage Low
Scarpa
1 colore
131 €
Nike Phantom Venom Elite SG-Pro Anti-Clog Traction

Nike Phantom Venom Elite SG-Pro Anti-Clog Traction Scarpa da calcio per terreni morbidi
Nike Phantom Venom Elite SG-Pro Anti-Clog Traction
Scarpa da calcio per terreni morbidi
1 colore
262 €
Nike Tiempo Legend 8 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction

Nike Tiempo Legend 8 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction Scarpa da calcio per terreni morbidi
Nike Tiempo Legend 8 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction
Scarpa da calcio per terreni morbidi
3 colori
232 €
Nike Mercurial Vapor 13 Elite AG-PRO

Nike Mercurial Vapor 13 Elite AG-PRO Scarpa da calcio per erba artificiale
Nike Mercurial Vapor 13 Elite AG-PRO
Scarpa da calcio per erba artificiale
3 colori
252 €
Nike Mercurial Vapor 13 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction

Nike Mercurial Vapor 13 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction Scarpa da calcio per terreni morbidi
Nike Mercurial Vapor 13 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction
Scarpa da calcio per terreni morbidi
2 colori
262 €
Nike Mercurial Superfly 7 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction

Nike Mercurial Superfly 7 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction Scarpa da calcio per terreni morbidi
Nike Mercurial Superfly 7 Elite SG-PRO Anti-Clog Traction
Scarpa da calcio per terreni morbidi
3 colori
282 €
Nike Phantom Vision 2 Elite Dynamic Fit AG-PRO

Nike Phantom Vision 2 Elite Dynamic Fit AG-PRO Scarpa da calcio per erba artificiale
Nike Phantom Vision 2 Elite Dynamic Fit AG-PRO
Scarpa da calcio per erba artificiale
1 colore
272 €
Nike Tiempo Legend 8 Elite AG-PRO

Nike Tiempo Legend 8 Elite AG-PRO Scarpa da calcio per erba artificiale
Nike Tiempo Legend 8 Elite AG-PRO
Scarpa da calcio per erba artificiale
2 colori
222 €
Nike Mercurial Superfly 7 Elite AG-PRO

Nike Mercurial Superfly 7 Elite AG-PRO Scarpa da calcio per erba artificiale
Nike Mercurial Superfly 7 Elite AG-PRO
Scarpa da calcio per erba artificiale
3 colori
272 €
Nike Air Tailwind 79

Nike Air Tailwind 79 Scarpa
Nike Air Tailwind 79
Scarpa
4 colori
91 €
Nike Zoom Fly 3

Nike Zoom Fly 3 Scarpa da running - Uomo
Nike Zoom Fly 3
Scarpa da running – Uomo
3 colori
161 €
Nike React Sertu

Nike React Sertu Scarpa - Uomo
Nike React Sertu
Scarpa – Uomo
3 colori
151 €
Nike Blazer Mid 77 Vintage

Nike Blazer Mid 77 Vintage Scarpa
Nike Blazer Mid 77 Vintage
Scarpa
3 colori
101 €
Nike x Undercover React Presto

Nike x Undercover React Presto Scarpa
Presto disponibile
Nike x Undercover React Presto
Scarpa
3 colori
181 €
Nike ACG Air Terra Antarktik

Nike ACG Air Terra Antarktik Scarpa
Disponibile su SNEAKRS
Nike ACG Air Terra Antarktik
Scarpa
3 colori
222 €
NikeCourt Air Zoom Prestige

NikeCourt Air Zoom Prestige Scarpa da tennis - Uomo
NikeCourt Air Zoom Prestige
Scarpa da tennis – Uomo
2 colori
101 €
Kyrie Flytrap III

Kyrie Flytrap III Scarpa da basket
Kyrie Flytrap III
Scarpa da basket
3 colori
91 €
Nike SB Dunk Low Pro

Nike SB Dunk Low Pro Scarpa da skateboard
Nike SB Dunk Low Pro
Scarpa da skateboard
1 colore
96 €
Jordan Maxin 200

Jordan Maxin 200 Scarpa - Uomo
Jordan Maxin 200
Scarpa – Uomo
3 colori
141 €

Posted on

ADIDAS COLLEZIONE UOMO

 

 

COLLEZIONE UOMO

(5328 Prodotti)
GENERE
DIVISION
MISURA
COLORE
COLLEZIONI
SPORT
MARCHIO
PREZZO

Scarpe da calcio Predator Mutator 20+ Firm GroundScarpe da calcio Predator Mutator 20+ Firm Ground

ESCLUSIVA
Calcio
SCARPE DA CALCIO PREDATOR MUTATOR 20+ FIRM GROUND
279,95 €
Pantaloni adidas Z.N.E.Pantaloni adidas Z.N.E.

NOVITÀ
Uomo Athletics
PANTALONI ADIDAS Z.N.E.
79,95 €
T-shirt Catalog PrintT-shirt Catalog Print

NOVITÀ
Uomo Originals
T-SHIRT CATALOG PRINT
37,95 €
Scarpe da calcio Predator Mutator 20+ Soft GroundScarpe da calcio Predator Mutator 20+ Soft Ground

ESCLUSIVA
Uomo Calcio
SCARPE DA CALCIO PREDATOR MUTATOR 20+ SOFT GROUND
279,95 €
Pantaloni WindPantaloni Wind

Uomo Originals
PANTALONI WIND
37,48 €74,95 €

(-50 %)

Scarpe IVY PARK Nite JoggerScarpe IVY PARK Nite Jogger

ESAURITE
IVY PARK
SCARPE IVY PARK NITE JOGGER
159,95 €
Guanti Predator 20 ProGuanti Predator 20 Pro

ESCLUSIVA
Calcio
GUANTI PREDATOR 20 PRO
119,95 €
Pantaloni da allenamento ArsenalPantaloni da allenamento Arsenal

Uomo Calcio
PANTALONI DA ALLENAMENTO ARSENAL
27,48 €54,95 €

(-50 %)

Pagina:

SUCCESSIVO

Posted on

FRANCIA

 

 

Francia

Enciclopedia on line
Francia  Stato dell’Europa centro-occidentale; abbraccia quasi interamente la regione geografica francese, compresa fra i Pirenei a S, la parte più accidentata ed elevata della catena alpina a SE, la valle del Reno a NE e il mare sugli altri lati: l’oceano Atlantico a O, il Canale della Manica a N e il Mediterraneo a S.

1 Caratteristiche fisiche

1.1 MorfologiaI rilievi più alti della F. sono montagne di origine terziaria, su cui agì fortemente la glaciazione quaternaria: le Alpi formano un diaframma verso la pianura padana, con le più alte cime europee (tra Chamonix-Mont-Blanc francese e Courmayeur italiana, il massiccio del Monte Bianco, 4807 m); i Pirenei costituiscono un uguale diaframma verso la Penisola Iberica ma meno elevato (Montes Malditos, 3404 m). Il versante francese dei Pirenei è molto ripido; meno quello delle Alpi occidentali. Poco più recenti del rilievo alpino, ma sempre elevate, sono, a N di esso, le catene del Giura franco-svizzero. I rilievi della F. centrale e settentrionale sono di origine geologicamente più remota: si sono delineati in seguito ai movimenti orogenetici del tardo Paleozoico (corrugamento ercinico) e hanno subito ulteriori moti di assestamento o sprofondamento, per cui si mostrano oggi con lineamenti più dolci e sono in genere di modesta altitudine, divisi e lontani fra loro. Fra essi si distinguono i Vosgi (Ballon de Guebwiller, 1423 m) a E e più a N le Ardenne; a O il Massiccio Armoricano, che forma le penisole di Bretagna e del Cotentin, e si stende a S del solco della Loira, fino in Vandea; infine, maggiore degli altri, il Massiccio Centrale (Puy-de-Sancy, 1886 m), da cui scendono a N la Loira e a O la Garonna. Questo massiccio è il più importante poiché alla fine del Terziario, influenzato dall’emersione alpina, fu rialzato e ringiovanito (il suo orlo più alto, le Cevenne, si trova infatti a E, e presenta un versante molto acclive verso la valle del Rodano, mentre declina a lento pendio verso O), e fu poi interessato da grandiosi fenomeni vulcanici, a causa dei quali l’Alvernia si distingue per il tipico paesaggio dei puys, vulcani spenti con la originale forma conica.

Mancano alla regione francese vaste e uniformi pianure, ma numerosi sono i tratti pianeggianti che colmano le depressioni o le fosse comprese fra i massicci erciniani (pianura renana di Alsazia; pianura rodanese a valle di Lione). Frequenti e più vaste le zone di ondulazione dolci e lievi, formate da strati sedimentari di età secondaria e terziaria deposti in mari interni o depressioni lacustri del rilievo ercinico (bacini di Parigi e di Aquitania).

I lineamenti fondamentali odierni del rilievo francese erano già costituiti, dunque, alla fine del Terziario, e il Quaternario portò solo variazioni superficiali o marginali. Il progredire dell’erosione, alternandosi con periodi di deposizione lungo i fiumi principali, diede luogo alla formazione di terrazzi, specialmente nei bacini della Loira e della Senna. Limi fertili, a volte veri e propri Löss, ricoprirono le pianure inframontane e il bassopiano parigino. Sulle Alpi e i Pirenei, il rincrudimento del clima determinò l’espansione di ghiacciai, che scolpirono di nuove forme (valli sospese, rialzi di sbarramento, bacini semicircolari) il rilievo montano (SavoiaDelfinato, Pirenei). Il Massiccio Centrale, anche, ebbe i suoi ghiacciai, che si estesero sui gruppi vulcanici del Cantal e dei Monts Dore; altri più piccoli ricoprirono il Giura (sui cui margini sono assai vistosi i depositi morenici) e i Vosgi (troncando più volte il libero deflusso alla Mosella). Meno ampia fu la glaciazione nei rilievi calcarei prealpini (Provenza sud-occidentale).

Altre variazioni subì la linea costiera. La formazione del passo di Calais sembra non sia anteriore ai primi periodi glaciali, e così la separazione fra le Isole Normanne e il Cotentin. Le coste meridionali mostrano lineamenti molto diversi a E e a O del delta del Rodano: a E, dove le Alpi si immergono nel Mediterraneo con ripidi versanti, la costa è rocciosa e accidentata da penisole e da baie, con numerose isole; a O invece è uniforme con grandi lagune dietro cordoni litoranei ricoperti di dune.

1.2 ClimaLa situazione geografica della F. determina una larga varietà di tipi climatici. Vi si distingue una zona a clima oceanico, con debole escursione termica (inverno mite, primavera tardiva, estate relativamente fresca e con piovosità media annua tra 800-1000 mm), limitata a una fascia ristretta, a S, lungo le Landes, che poi si allarga a N per includere le penisole bretone e del Cotentin e giungere fino presso Calais. A E, in corrispondenza del bacino parigino, si ha una seconda zona, in cui l’escursione termica è maggiore e la piovosità si riduce notevolemente (500-750 mm annui).

Ancora più a E, fra il Morvan e le Argonne, fino al Reno, si passa gradualmente a tipi climatici a influenza continentale con inverni aspri e nevicate frequenti; le estati sono calde e disturbate da temporali; la piovosità è notevole, specie sui rilievi (Argonne 1200 mm, Morvan 1500 mm, Vosgi 1700 mm), mentre le depressioni segnano di regola minimi pluviometrici (Colmar 500 mm, la Limagne 600 mm).

Si può distinguere anche un clima aquitanico sul bacino omonimo (esclusa la fascia litoranea), peculiare per le estati calde, le primavere precoci e piovose (ma le altre stagioni più asciutte: piovosità annua 600-800 mm), gli inverni relativamente rigidi. Infine il clima mediterraneo prevale con i tipici inverni tiepidi, le primavere piovose, le estati calde e molto asciutte (Linguadoca-Rossiglione, Provenza inferiore, valle del Rodano fin verso Valence); sono le località francesi più calde, e con rarità di piogge (600-800 mm annui).

L’influsso del rilievo determina l’esistenza di una vera regione climatica in corrispondenza del Massiccio Centrale, più piovosa dei distretti vicini (medie da 1200 a 1500 mm e oltre nei Monti del Vivarais e nei Monts Dore) e più fredda durante l’inverno.

Anche il sistema alpino sta a sé: a causa dell’orientamento generale delle Alpi Francesi da N a S e poiché le maggiori altitudini sono a N, vi è notevole diversità fra la regione savoiarda e quella provenzale; la Savoia è molto più fredda con piogge (in media, 1200 mm) e nevi più copiose, mentre la Provenza non supera gli 800 mm di piogge e risente largamente dei vantaggi termici mediterranei. La stessa diversità c’è fra le zone marginali e centrali dei Pirenei.

1.3 IdrografiaNella regione settentrionale le acque si riuniscono in tre grandi bacini fluviali: quello del Reno, che raccoglie quasi tutte le acque discendenti dai Vosgi; quello della Senna (con i suoi confluenti: Marna, Oise, Eure, Aube, Yonne, Loing), dove confluiscono le acque dei rilievi del Morvan e del Plateau de Langres; e quello della Mosa, corrispondente alla Lorena, dove la mancanza quasi di affluenti è causata da catture (alcune in età storica) operate a suo svantaggio dai bacini vicini. Direttrici fluviali secondarie irradiano dai rilievi di Picardia: la Schelda e la Somme. Nel Massiccio Armoricano la rete idrografica è indipendente (Vilaine e Aulne) quasi ovunque, sia pure con bacini poco estesi, fuorché a SE, dove la Loira ha attratto a sé le acque del Maine e del Perche (Mayenne, Sarthe, Loir).

La Loira, il più lungo fiume francese (1020 km), con un bacino di 121.000 km2, ha origine dal Massiccio Centrale. A SO del Massiccio Centrale (Dordogna, Tarn) il bacino aquitanico è in parte drenato dalla Garonna; a E del Massiccio Centrale, nel grande solco depresso tra questo e le Alpi scorre, per 2/3 in territorio francese, il Rodano, con il suo copioso affluente Saona e con i due tributari alpini Isère e Durance. La zona più meridionale del sistema alpino è autonoma per la rete idrografica e ne scendono, lungo valli molto aspre, l’Argens e il Varo; così come nei Pirenei orientali l’Aude, il Têt e il Tech defluiscono separati verso il Golfo del Leone.

Clima, suolo e copertura vegetale rendono diverso il regime fluviale da regione a regione. Senna e Garonna, in particolare, si distinguono per una portata notevole in ogni stagione. La Senna costituisce, da Parigi al mare, una via navigabile naturale. Caratteristica notevole dei fiumi del bacino atlantico sono le foci a estuario, fra cui maggiori quella della Gironda (Bordeaux), della Loira (Nantes) e della Senna (Le Havre). Pure copioso di acque è il Rodano, ma le forti pendenze, in alcuni tratti del corso, ostacolano la navigazione, come accade anche per la Loira. Ingenti lavori sono stati indispensabili per regolare questi fiumi, con la costruzione di argini e canali di collegamento: fra questi, il Canale del Centro (Saona-Loira), di Digione (Saona-Senna), quelli Rodano-Reno, Marna-Reno, dell’Est (Saona-Mosella) e del Mezzogiorno (Garonna-Aude).

1.4 Flora e faunaLa maggior parte del suolo della F. è compreso nel dominio della flora atlantica, con foreste di quercia peduncolata, faggio, carpino, olmo, castagno ecc., e, specialmente nel Massiccio Armoricano, con la formazione della landa.

La F. presenta la fauna marina più ricca e varia d’Europa: nel Mediterraneo si pescano il tonno, la sardina, l’acciuga, il corallo e le spugne; nella Manica e nell’Atlantico il merluzzo, la sardina e l’aringa. Numerose sono le specie di pesci d’acqua dolce: 46 su un centinaio europee; alcune importate dagli Stati Uniti si sono acclimatate ed estese a tutte le regioni, come il persico sole e il pesce gatto. La fauna terrestre è relativamente ricca, possedendo più di un terzo dei Mammiferi d’Europa: mancano soltanto le forme assolutamente meridionali, quelle tipicamente nordiche e le specie steppiche e desertiche proprie dell’Europa orientale.

2 Popolazione

La F. è al secondo posto per numero di abitanti fra i paesi dell’Unione Europea. La popolazione, che all’inizio del 18° sec. era di circa 20 milioni di ab., al censimento del 1801 risultò, all’interno degli attuali confini, di 28.300.000 ab., pari al 16% dell’intera popolazione europea. Successivamente, dopo un periodo di regolare accrescimento, tale da far registrare nel 1851 la presenza sul suolo francese di 36.500.000 individui, l’incremento risultò molto contenuto, tanto che nel 1954 il numero degli abitanti era pari a 42.800.000. Dunque, nel periodo 1801-1954 la popolazione francese aveva subito un aumento complessivo del 60%, modesto al confronto di quelli registrati nello stesso lasso di tempo nei maggiori paesi europei (Italia 160%, Germania 190%, Gran Bretagna 230%). Le cause dello scarso incremento demografico sono da ricercare, oltre che nei danni, diretti e indiretti, provocati dalle due guerre mondiali, nella progressiva contrazione della natalità, verificatasi con sensibile anticipo rispetto al resto d’Europa; tra il 1801 e il 1901, infatti, il relativo coefficiente era sceso dal 32‰ al 22‰, mentre diminuzioni ben più modeste si erano avute, per es., in Germania (dal 37 al 35), in Gran Bretagna (dal 33 al 29) e in Belgio (dal 35 al 28). A lungo andare, alla diminuzione del numero dei nati si accompagnò l’eccessivo invecchiamento della popolazione, che da una parte causò l’aumento della mortalità mentre dall’altra determinò una grave carenza di manodopera che richiamò un imponente flusso migratorio proveniente soprattutto dal Belgio, dalla Germania, dall’Italia, dalla Polonia e dalla Spagna.

A partire dal secondo dopoguerra si è registrato un risveglio demografico: il coefficiente di natalità è risalito dal 16‰ del 1944 al 21‰ del 1948, attestandosi poi su valori prossimi al 18‰, fino ai primi anni 1970. In seguito si è verificata una nuova contrazione, con un’ulteriore riduzione del tasso di natalità, che si è stabilizzato intorno al 13‰ medio annuo negli anni Duemila, e che rimane tuttavia tra i più elevati d’Europa. Una componente importante della popolazione francese è rappresentata dagli immigrati, ai quali va aggiunta una quota consistente di popolazione di origine straniera ormai naturalizzata francese. Il peso percentuale si è mantenuto pressoché stabile dalla metà degli anni 1970, poiché gli immigrati sono aumentati allo stesso ritmo della popolazione totale. Si è modificata invece la composizione per area di provenienza: è diminuita la quota di immigrati provenienti da paesi dell’Unione Europea, soprattutto da Portogallo, Italia e Spagna, ed è aumentata la percentuale dei Maghrebini (Algerini, Marocchini e Tunisini). Fra le altre aree di provenienza si segnalano i paesi dell’Africa a S del Sahara, quelli del Sud-Est asiatico e la Turchia.

La densità media è tra le più basse dell’Europa occidentale, con una distribuzione che presenta però notevoli divari; le regioni più densamente popolate sono quella parigina dell’Île-de-France (960 ab./km2 nel 2006), seguita a grande distanza da quella del Nord-Pas-de-Calais (323 ab./km2); di gran lunga inferiore è la pressione demografica in Corsica (33 ab./km2), Limousin (43 ab./km2) e Alvernia (51 ab./km2). Consistenti flussi migratori interni, inoltre, hanno prodotto una certa ridistribuzione della popolazione a favore delle regioni occidentali e meridionali. L’effetto ‘magnete’ dell’agglomerazione parigina, invece, si va lentamente attenuando, il che tuttavia non limita, se non in misura marginalissima, il suo ruolo di città primate e la sua assoluta predominanza demografica, economica e funzionale rispetto al resto del paese. La popolazione urbana è pari a circa il 77%. Tra le aree metropolitane, oltre a Parigi, superano il milione di abitanti Marsiglia, Lione e Lilla. La rete urbana è completata da una serie di metropoli regionali di media grandezza (oltre 40 aree urbane contano più di 200.000 ab.) che svolgono un’azione di riequilibrio territoriale e rappresentano i fulcri di uno sviluppo regionale basato, già dagli anni 1960, su una industrializzazione per poli.

Lingua ufficiale è il francese, ma sono presenti minoranze bretoni, corse, altotedesche, basche, catalane e fiamminghe. Il 76% circa della popolazione professa la religione cattolica.

3. Condizioni economiche

Dopo un lungo periodo di ristagno manifestatosi negli anni precedenti la Prima guerra mondiale e parzialmente connesso con lo scarso incremento demografico, l’economia francese, pur fra alterne vicende, nel corso del 20° sec. ha compiuto un radicale processo di rinnovamento e potenziamento sia nel campo industriale sia in quello agricolo, che l’ha portata a collocarsi tra i paesi economicamente più avanzati d’Europa. A partire dagli anni 1950 lo sviluppo economico si è giovato sia della programmazione sia dell’inserimento della F. nella CEE, che, con l’ampliamento dei mercati, ha reso possibile un rapido incremento delle attività industriali.

La programmazione, non prescrittiva ma solo indicativa, ebbe inizialmente lo scopo di organizzare la ricostruzione dell’apparato produttivo compromesso dagli eventi bellici (Piano Monnet, 1947-53), ma successivamente si prefisse di realizzare uno sviluppo economico che da una parte tenesse conto della nuova realtà europea e dall’altra correggesse gli squilibri regionali e settoriali, cercando soprattutto di ovviare agli inconvenienti legati all’eccessiva concentrazione industriale, specie nell’area parigina. L’intervento statale si è manifestato, oltre che con la concessione di sovvenzioni, vantaggi fiscali e prestiti a tasso agevolato, con il decentramento delle attività produttive e la creazione di poli di sviluppo, in grado di bilanciare la forza di attrazione esercitata dalla capitale. La pianificazione non ha trascurato le regioni tradizionalmente agricole, indirizzandole verso la produzione di generi maggiormente richiesti dal mercato interno ed estero, né le attività turistiche. I profondi mutamenti dell’economia francese hanno ovviamente determinato un forte travaso di manodopera dal settore primario verso il secondario e il terziario.

3.1 Attività primarieAnche se la ripartizione percentuale della popolazione attiva e del PIL riserva quote assai ridotte al settore primario, la F. resta il maggior paese agricolo d’Europa. La superficie agricola utilizzata è dominata per quasi i due terzi da seminativi a rotazione (la sola area coltivata a grano supera costantemente i 5 milioni di ettari); il resto è tenuto soprattutto a pascolo, ma è rilevante il 4% coltivato a vigneto (quasi un milione di ettari) e ad altre colture arboree permanenti. Le principali produzioni agricole sono anzitutto i cereali: frumento, avena, mais e orzo, che ha una produzione crescente legata alle esigenze dell’allevamento. Non è stata trascurata la produzione delle patate né quella delle barbabietole da zucchero.

Fra i distretti vinicoli, a quelli destinati a una produzione di massa (Linguadoca) si affiancano quelli dedicati a vini di alta qualità: la Champagne (vini spumanti), la Media e Bassa Loira, il Sud-Ovest (Bordeaux, Médoc), l’Est (Borgogna). Da ricordare anche le acqueviti prodotte nel Cognac e nell’Armagnac. Nei territori meridionali e in Corsica i vigneti forniscono ottima uva da tavola.

Prati e pascoli hanno alimentato, con allevamenti di bestiame bovino (quasi 20 milioni di capi nel 2006 appartenenti per lo più a razze da latte altamente selezionate), ovino (8,9 milioni di capi), suino (14,8) e di volatili (quasi 225), la sesta produzione mondiale di latte e di burro, la quinta di carne e la terza di formaggi (ampia, tradizionale e rinomata, com’è noto, la gamma di questi ultimi).

Le colture ortofrutticole raggiungono le massime concentrazioni nell’Île-de-France, lungo la Loira, nella Bretagna, nella valle del Rodano e nella zona mediterranea; in quest’ultima, grande diffusione ha soprattutto la frutta, per la quale la F. occupa il terzo posto in Europa, esportandone discreti quantitativi soprattutto in Germania. La Costa Azzurra è celebre per la floricoltura specializzata.

Il manto forestale (28,3% della superficie nazionale) ha fornito un quantitativo di legname pari a 65.640.000 mq nel 2006; in Corsica, Provenza, Linguadoca e Guascogna sono diffusi i sughereti.

La pesca riveste un ruolo secondario, pur essendo largamente praticata lungo le coste nord-occidentali, dove hanno sede i maggiori porti pescherecci: Boulogne-sur-Mer, Dunkerque, Concarneau, Lorient, Fécamp, Saint-Malo ecc.; alcuni di tali porti sono attrezzati per la ‘grande pesca’ (soprattutto merluzzi e aringhe), praticata sul banco di Terranova (dove la F. possiede le isole di Saint-Pierre e Miquelon) e presso le coste della Groenlandia e dell’Islanda. In prossimità dei principali centri di pesca sorgono importanti industrie conserviere.

3.2 Produzione mineraria ed energeticaIl patrimonio minerario della F. non è particolarmente ricco, ma i giacimenti sono stati ampiamente sfruttati, in particolare per quanto riguarda il carbone, tra le principali risorse del sottosuolo. Oggi la produzione mineraria è ridotta a modeste dimensioni (l’ultima miniera di carbone, in Mosella, è stata chiusa nel 2004); la F. resta comunque un buon produttore di ghisa e di acciaio, nonché di zinco, piombo, stagno di fonderia (attorno al decimo posto nel mondo per ciascuno di questi metalli). Sono presenti giacimenti di gas naturale (soprattutto nella F. sud-occidentale, nei pressi di Lacq) e di petrolio (Alsazia, F. sudoccidentale e regione parigina), inadeguati però a soddisfare la domanda interna. Notevole lo sfruttamento dell’energia nucleare, che soddisfa circa il 77% del fabbisogno nazionale, con 59 reattori in funzione.

3.3 IndustriaNel settore manifatturiero, è evidente il divario tra la F. del Nord-Est e quella del Sud-Ovest. Va tuttavia ricordato che alcune regioni di antica industrializzazione (Nord-Pas-de-Calais, Lorena) hanno conosciuto gravi crisi produttive e occupazionali, dovute soprattutto al declino dei settori carbonifero e siderurgico. La regione parigina resta la prima regione industriale della F., grazie a un tessuto produttivo altamente diversificato (industrie automobilistiche, elettriche, elettroniche, aeronautiche, chimiche, farmaceutiche, editoriali), alla sua posizione strategica e alla presenza dei principali centri decisionali. L’area di Lione è assimilabile a quella parigina per grado di diversificazione settoriale e centralità nello spazio produttivo francese. Nella F. meridionale, le città disposte lungo l’arco che va da Bordeaux a Grenoble, passando per TolosaMontpellier e Nizza, costituiscono i poli di uno sviluppo industriale a elevato contenuto tecnologico che si affianca a settori consolidati, mentre è da segnalare lo sviluppo industriale di quasi tutta la regione litoranea, principalmente delle zone portuali, legato alla trasformazione degli idrocarburi importati.

I comparti di punta dell’industria francese riguardano la produzione automobilistica, di pneumatici e dell’energia elettrica, il comparto elettronico; i rami tessile e dell’abbigliamento, chimico (la F. è il secondo esportatore mondiale dei prodotti di profumeria), agroalimentare, aeronautico, cantieristico.

3.4 TerziarioNell’ambito del settore, in cui si evidenza la capacità di attrazione della regione parigina (quasi un terzo degli addetti totali, due terzi dei quartieri generali aziendali), si registra la crescita dei servizi avanzati alle imprese e dei comparti legati all’evoluzione tecnologica, con particolare riferimento alle tecnologie dell’informazione.

Grande enfasi si è data in F. alle attività di ricerca e sviluppo, che hanno trovato la loro sede privilegiata nelle numerose tecnopoli, più di una quarantina, fra le quali si segnalano in particolare Sophia Antipolis in Provenza e la ZIRST (Zone pour l’innovation et les réalisations scientifiques et techniques) di Grenoble. Notevole il turismo (79 milioni nel 2006).

3.5 ComunicazioniLa F. possiede una fitta rete stradale che si irradia da Parigi, estendendosi per circa 1.042.996 km (2006); la rete autostradale ha raggiunto la lunghezza complessiva di 10.848 km (2006).

Le comunicazioni ferroviarie formano una rete anch’essa radiale, con centro a Parigi; fanno eccezione all’andamento generale la linea che congiunge Digione con Metz e quella che collega Strasburgo al Nord, attraverso la Lorena. La rete ferroviaria, che si estende per 29.547 km (di cui 14.319 elettrificati, nel 2006), è stata ammodernata con l’eliminazione di tronchi minori e la costruzione di ferrovie rapide (LGV, Lignes à Grande Vitesse).

I trasporti fluviali sono assicurati da 7900 km di vie navigabili, di cui oltre 4500 km di canali prevalentemente concentrati nel settore nord-orientale del paese, dove si congiungono alla rete fluviale belga e tedesca.

I trasporti marittimi si avvalgono di una flotta di circa 5,6 milioni di t di stazza lorda. Il porto più importante è Marsiglia, che per mole di traffico si pone al quinto posto in Europa, dopo RotterdamAnversaAmburgo, Novorossijsk; altri scali di rilievo sono Le Havre, Dunkerque, Rouen, Nantes, Bordeaux, Sète, Calais.

PREISTORIA

1. Paleolitico e Mesolitico

La ricchezza dei giacimenti paleolitici in F. testimonia l’occupazione da parte dell’uomo fin dalle epoche più arcaiche. Le tracce più antiche sembrano essere rappresentate dai rinvenimenti della grotta del Vallonet (Roquebrune-Cap Martin, Provenza), con fauna villafranchiana. L’Acheuleano è molto diffuso: nella F. settentrionale sono i giacimenti della valle della Somme (Cagny, Atelier Commont ecc.); nella F. meridionale i livelli alluvionali delle valli della Charente e della Garonna, ma anche grotte e ripari in Ardèche, Hérault, Provenza e soprattutto in Dordogna. All’inizio del Glaciale di Würm esso dà origine al Micocchiano, che si trova nella F. settentrionale (Houppeville, Le Tillet) e in qualche grotta e riparo del Sud. Parallelamente all’Acheuleano si sviluppa il Charentiano, presente in Dordogna, Charente, Provenza. Nel Musteriano, fiorito durante le prime fasi del Würm, sono riconoscibili diverse culture che si rinvengono variamente interstratificate su molta parte del suolo francese. A circa 35.000 anni fa risalgono i più antichi livelli perigordiani (Allier, Yonne, Dordogna, Vienne), mentre nelle sue fasi superiori questa cultura è più diffusa, specialmente nel Sud-Ovest. Nelle stesse zone sono abbondantissimi i ritrovamenti di materiali aurignaziani. Il Solutreano (19.000-16.000 anni fa) presenta nella regione classica del Périgord-Charente la maggiore fioritura.

Nel corso della ricca civiltà maddaleniana (15.000-11.000 anni fa), soprattutto nelle sue fasi superiori, la densità della popolazione paleolitica raggiunge il massimo, a giudicare dal numero e dall’estensione dei giacimenti che si rinvengono praticamente in tutta la Francia. Dopo questo periodo, il Maddaleniano si trasforma nell’Aziliano (10.000-8000 a.C.), cultura caratterizzata da un’industria litica di tradizione maddaleniana, cui si aggiungono tipi nuovi (grattatoi corti e circolari su scheggia, punte a dorso ricurvo, armature geometriche). A partire dall’Aurignaziano (Grotta Chauvet, Ardèche), e soprattutto nel Perigordiano superiore, fiorisce l’arte parietale e mobiliare (sfera franco-cantabrica), che ha lasciato testimonianze soprattutto in Dordogna e nella regione pirenaica (LascauxLes Combarelles, Font-de-Gaume, La Madeleine, Pech-Merle, Rouffignac, Roc-de-Sers ecc.).

Il Mesolitico è rappresentato principalmente dal Sauveterriano e dal Tardenoisiano, le cui tradizioni continuano a lungo, anche dopo l’introduzione dell’economia produttiva.

2. Neolitico, età del Bronzo e del Ferro

Le prime testimonianze di culture neolitiche nella F. settentrionale sono costituite dalla corrente danubiana con ceramica a nastro stabilitasi in Alsazia, mentre nelle regioni mediterranee si sviluppa il Neolitico a ceramica impressa. In seguito, mentre nel Nord-Est si affermano i gruppi di Rössen, nella F. meridionale si diffonde il cosiddetto Neolitico occidentale con aspetti chasseani. Fra la fine del 3° e l’inizio del 2° millennio a.C., mentre lo Chasseano ha una rapida espansione geografica fino al bacino di Parigi, il gruppo di Michelsberg si estende in tutto il bacino del Reno. All’inizio del 2° millennio a.C. influssi iberici portano alla penetrazione del bicchiere campaniforme e al fenomeno della diffusione dei megaliti, che assume in F. vaste proporzioni e che trova il suo esempio più grandioso a Carnac.

Nel Bronzo antico, nella F. di Nord-Est gli elementi riferibili alla civiltà di Straubing si rivelano in particolare nei primi tumuli della foresta di Haguenau, mentre nella valle del Rodano e nel Giura si sviluppano gruppi locali imparentati con quelli svizzeri. La cultura dei tumuli armoricani, che si prolunga nel Bronzo medio, è conosciuta da sepolture individuali sotto tumulo, e si riallaccia a quella del Wessex. Nella F. nord-orientale e nell’Alsazia il Bronzo medio è rappresentato dallo sviluppo della civiltà dei tumuli (Haguenau). La cultura dei campi di urne (11°-9° sec. a.C.) ha avuto un’ampia diffusione nella F. orientale e meridionale, e alcune necropoli, come quella di Aulnay-aux-Planches, attestano la continuità del rito funerario della cremazione – con raccolta delle ossa entro un’urna cineraria fittile deposta in una buca nel terreno – fino all’età del Ferro. A partire dal 7° sec. si intensifica l’influsso delle evolute civiltà dell’Europa centrale in relazione con la formazione del popolo celtico. Questo processo si attua in particolare durante il periodo hallstattiano nei paesi renani, e nel Nord-Est l’evoluzione è molto diversa da quella verificatasi nel Sud. La transizione dalla civiltà di Hallstatt – attraverso l’arte della tarda età di Hallstatt delle tombe e residenze principesche (6°-5° sec. a.C.) – a quella di La Tène si attua compiutamente soprattutto dopo la fine del 4° sec. a.C.

Per le vicende storiche della civiltà diffusasi in F. con l’invasione dei Celti e la successiva affermazione del dominio romano  Gallia.

STORIA

1. Periodo merovingio e carolingio (482-987)

L’inizio della storia della F. medievale coincise con le imprese militari dei Franchi Sali ( Franchi): nel 482 il loro governo passò a Clodoveo, alla cui morte (511) seguì la spartizione del Regnum Francorum tra i figli, così come avvenne nel 561 alla morte di Clotario I (fig. 2). Lo strumento dell’aristocrazia per soppiantare il potere monarchico fu la nuova istituzione dei maggiordomi o maestri di palazzo, di fatto veri sovrani. Uno di essi, Carlo Martello, ricostituì l’unità del regno e divenne l’effettivo detentore del potere nella Francia (fig. 3). Con Carlomagno, consacrato imperatore da Leone III (800), all’antico Regnum Francorum si sovrappose l’universalità del Sacro Romano Impero. Nell’843 l’Impero carolingio venne diviso in tre zone destinate ai tre figli di Carlomagno (trattato di Verdunfig. 4). Per un secolo la F. oscillò fra gli ultimi eredi della dinastia carolingia e quelli della nuova dinastia dei conti di Parigi. Nel 987 (fig. 5), i grandi riconobbero Ugo Capeto, figlio del conte di Parigi Ugo, loro sovrano.

2. La monarchia feudale

Con Luigi VI (1108-37) si ebbe il primo tentativo organico di affermare la sovranità della Corona. Egli impose la sua autorità ai vassalli diretti ribelli e ristabilì la pace nelle proprie campagne; in seguito, in funzione antinobiliare, cercò un più diretto collegamento con i nuovi ceti emergenti nella città. Con il matrimonio tra il figlio del re, il futuro Luigi VII (1137-1180), ed Eleonora, erede del ducato di Aquitania (1127), la dinastia capetingia portò i suoi confini ai Pirenei. Ma quando Luigi ripudiò la moglie Eleonora, questa strinse nuove nozze con Enrico Plantageneto, dal 1154 re d’Inghilterra. Il conflitto scoppiato tra Enrico II e Luigi VII continuò anche sotto il successore di Luigi VII, Filippo Augusto (1180-1223), che confiscò agli Inglesi la maggior parte dei loro possedimenti sul continente (fig. 6). Riorganizzò inoltre l’amministrazione e la burocrazia del Regno, diede spazio all’elemento borghese e istituì magistrati regi e tribunali d’appello; fissò la capitale del Regno a Parigi. Luigi IX (1206-70) svolse un’intensa politica meridionale e mediterranea e, sul piano interno, domò una rivolta feudale; ottenne inoltre la rinuncia di Enrico III d’Inghilterra alle pretese sui possessi inglesi nel continente (1259). Con i suoi successori Filippo III l’Ardito (1270-85) e Filippo IV il Bello (1285-1314) il programma di espansione e di egemonia della potenza francese venne perseguito con finalità esclusivamente politiche; un aspetto particolare di questo programma fu il contrasto tra Filippo il Bello e il papa Bonifacio VIII, che si chiuse con la cattura del pontefice, l’episodio dello «schiaffo di Anagni» (1303), l’elezione di un papa francese, Clemente V (1305), e il trasferimento della sede pontificia ad Avignone (1309). Il duello anglo-francese si riaccese alla morte di Carlo IV (1328); la guerra dei Cent’anni, nel suo periodo centrale, si trasformò anche in guerra intestina della feudalità francese, divisa tra gli Armagnacchi, fautori dei re di F. e i Borgognoni, fautori degli Inglesi. La pace del 1453 ridusse il dominio inglese in F. alla sola Calais. Luigi XI (1461-83) occupò la Borgogna e la Provenza (1480) e con il matrimonio del figlio Carlo VIII con Anna di Bretagna preparò la riunione alla Corona francese di quest’ultimo dominio feudale (fig. 7).

3. La lotta per l’egemonia in Europa

Nel 1494, con la discesa nella Penisola di Carlo VIII (1483-98), iniziarono le guerre d’Italia; la pace di Cateau-Cambrésis (1559) che, pur sancendo il predominio spagnolo, assicurò al successore di Francesco I, Enrico II (1547-59) Calais, Metz, Toul e Verdun, fermò la lotta tra Asburgo e Valois.

3.1 Le guerre di religioneLa Riforma protestante, minando l’intima unione tra i principi cristiani e l’organizzazione ecclesiastica, mise in pericolo l’esistenza dello Stato; i calvinisti francesi (➔ ugonotti), reclutati soprattutto nella classe nobile (nel 1558-59 aderirono alla nuova Chiesa due principi del sangue, Antonio di Borbone e Luigi di Condé), si fecero anche i portavoce della reazione dell’alta nobiltà alle tendenze accentratrici della monarchia. Analogo programma ebbe l’altra frazione della nobiltà rimasta fedele al cattolicesimo, guidata dai Guisa. Pertanto, scomparsi i sovrani Francesco I (1515-47) ed Enrico II (1547-59), il problema religioso divenne lo schermo di un’aspra lotta politica, scoppiata apertamente durante la reggenza di Caterina de’ Medici e i regni di Carlo IX (1560-74) ed Enrico III (1575-89). Caterina fu costretta ad attuare una difficile politica di equilibrio, che di volta in volta la rese schiava ora dei Borboni ugonotti ora dei Guisa cattolici. Le guerre di religione, del resto, si susseguirono incessantemente e la F. stessa divenne la posta di un più ampio gioco diplomatico internazionale. L’assassinio di Enrico III (1589), risposta al precedente assassinio del duca di Guisa, ponendo il problema della successione al trono per l’estinzione del ramo regnante dei Valois-Angoulême, segnò anche la risoluzione delle guerre di religione.

3.2 Enrico IVErede al trono era il capo degli ugonotti, Enrico di Borbone Navarra che, con una pronta conversione al cattolicesimo, seppe abilmente far cadere ogni ostacolo e, nel 1593, fu invocato come unico re di F. dagli Stati Generali. Riaffermata la potenza francese all’estero nella guerra nazionale contro la Spagna (1595-98), pacificata all’interno la F. e garantiti i diritti dei suoi ex correligionari con l’editto di Nantes (1598) e con la concessione di alcune piazzeforti, Enrico IV (1594-1610) diede un notevole impulso alla vita economica del Regno grazie all’opera del ministro duca di Sully. I suoi piani furono però troncati dal pugnale del fanatico cattolico F. RavaillacMaria de’ Medici, reggente per il piccolo Luigi XIII (1610-43) attenuò la politica antiasburgica e cercò di allineare la F. su posizioni di intransigente cattolicesimo controriformista, e anche la nobiltà si agitò e cercò di riprendere le posizioni di un tempo.

3.3 Richelieu e MazzarinoLiberatosi con un colpo di Stato dalla reggenza materna (1617), Luigi XIII chiamò al potere il cardinale Richelieu (1624). All’interno, Richelieu limitò il potere politico della nobiltà e iniziò a trasformare l’ordinamento amministrativo della F. in un sistema centralizzato, la cui spina dorsale non era più data dai governatori nobili, bensì dagli intendenti di provenienza borghese, veri funzionari dello Stato; all’estero, si propose l’espansione territoriale francese e l’indebolimento degli Asburgo (dal 1635 partecipazione diretta alla guerra dei Trent’anni). Ambedue le direttive politiche di Richelieu furono proseguite dal successore G. Mazzarino, che fino alla morte (1661) fu l’assoluto arbitro della F.; con le Paci di Vestfalia (1648) e dei Pirenei (1659) egli ottenne l’allontanamento definitivo del pericolo asburgico; con il matrimonio tra Luigi XIV e l’infanta Maria Teresa pose le premesse per le future rivendicazioni francesi sulla Spagna; all’interno, proseguì la politica antinobiliare e assolutistica di Richelieu. A tale politica assolutistica fecero da contrappunto le rivolte, soprattutto contadine (1624-45), provocate, in particolare, dal malcontento causato dalla pressione fiscale cui lo Stato, impegnato nelle guerre, ricorse per soddisfare i propri fabbisogni finanziari.

4. Da Luigi XIV alla crisi dell’assolutismo

Preso in mano il potere effettivo nel 1661, Luigi XIV portò alla sua massima espressione la politica dei grandi ministri e pose l’assolutismo anche a base della politica religiosa: combatté i protestanti (revoca dell’editto di Nantes, 1685) e i giansenisti, entrò in contrasto con il papato per l’emanazione dei quattro articoli della dichiarazione gallicana (➔ gallicanesimo) del 1682. Nella prima parte del suo regno, ascoltò e attuò i consigli di ministri esperti come S. Vauban, M. Le Tellier e soprattutto J.-B. Colbert che, dopo aver risanato le finanze, avviò una nuova politica economica mercantilista, mirabile strumento per realizzare il programma del sovrano, assolutista all’interno e imperialista all’estero. Le guerre furono all’inizio fortunate: Luigi ottenne numerose città fiamminghe e la Franca Contea (1668; 1678); non diedero invece apprezzabili vantaggi né la guerra della Grande Alleanza del 1688-97, né la guerra di successione spagnola del 1702-14, da cui la F. uscì con le finanze esauste e le energie infrante.

4.1 La politica internazionaleLa reggenza del duca di Orléans per il piccolo Luigi XV (1715-74), poi il noncurante sistema di governo dello stesso re aggravarono la situazione; sul piano internazionale la F. modificò la propria politica, alleandosi con l’Inghilterra e l’Olanda contro Filippo V di Spagna; all’interno, furono anni di ripresa degli ordini privilegiati e di spericolata politica finanziaria; i gesuiti furono espulsi; nel 1771 furono soppressi i parlamenti; in politica internazionale, la Corona alleandosi con l’Austria operò, nell’imminenza della guerra dei Sette anni (1756-1763), quel «rovesciamento delle alleanze» che fu fondamentale nella storia dell’Europa sette;centesca. Battuta dall’Inghilterra, la F. rafforzò, per compensare, la propria posizione europea e mediterranea e intervenne nella rivolta delle tredici colonie inglesi dell’America Settentrionale, riuscendo a prendersi la rivincita sulla nemica Inghilterra (1783).

4.2 I preamboli rivoluzionariLa guerra americana tuttavia aggravò il bilancio dello Stato; l’opinione pubblica, sostenuta dagli esponenti dell’Illuminismo, reclamava una riforma radicale dell’assetto amministrativo e politico del paese. Il nuovo sovrano Luigi XVI (1774-92), debole e indeciso, non seppe contrastare la riscossa degli uomini di corte e degli ordini privilegiati, che contraddistinse i suoi primi anni di regno. Ristabiliti i parlamenti, prima appoggiata e poi rinnegata la politica di R.-J. Turgot (1774-76), che aveva abolito le corporazioni, il re finì con lo scontentare tutte le classi. Il debito pubblico apriva la porta alla Rivoluzione, che si prospettava, ai suoi primi inizi, come reazione dei privilegiati all’assolutismo monarchico e come rivoluzione nobiliare (1787-89: duplice assemblea dei notabili; richiesta di convocazione degli Stati Generali).

5. La Rivoluzione

5.1 La fase borghese e la Costituzione del 1791. – L’apertura degli Stati Generali (5 maggio 1789) segnò l’inizio della fase propriamente borghese della Rivoluzione: convocati allo scopo di fornire al sovrano i mezzi per colmare il deficit di bilancio, per volontà del terzo stato, cioè della borghesia, si trasformarono in Assemblea nazionale costituente e dotarono la F. di una Costituzione. La spinta rivoluzionaria passò al paese e si avviarono, accanto alla rivoluzione borghese, una rivoluzione popolare, il cui momento più saliente fu l’assalto alla Bastiglia e la sua distruzione (14 luglio), e una rivoluzione contadina. Dalla confluenza di queste tre forze vennero i due atti più solenni dell’inizio rivoluzionario: il voto (4 agosto 1789) con cui l’Assemblea costituente abolì i privilegi feudali e quello (20-26 agosto) della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, l’atto di morte dell’ancien régime. Il 5-6 ottobre il popolo parigino, rovesciatosi a Versailles, costrinse la famiglia reale e l’Assemblea stessa a trasferirsi a Parigi dove, sotto la pressione della piazza, la situazione precipitò.

La monarchia si salvò grazie alla volontà dell’alta borghesia, i cui deputati, timorosi della carica eversiva popolare, nel 1791 fecero giungere in porto una Costituzione basata sul sistema censitario e sulla monarchia costituzionale; sciolta l’Assemblea costituente, fu eletta l’Assemblea legislativa, prevista appunto dalla costituzione.

5.2 La RepubblicaLa fase successiva, che vide il prevalere deciso delle forze propriamente rivoluzionarie e il tracollo della monarchia, fu strettamente connessa alla minaccia straniera (alleanza austro-prussiana in funzione antifrancese; dichiarazione di guerra del 1792 imposta dal partito girondino a Luigi XVI). Dopo i primi rovesci (i Prussiani occuparono Longwy e Verdun, gli Austriaci Thionville), divenuta la monarchia ancora più sospetta, ne derivò, dopo le manifestazioni del 20 giugno 1792, la giornata del 10 agosto, in buona parte opera di G.J. Danton, con l’arresto del re e della sua famiglia e la proclamazione fatta dall’Assemblea della decadenza della monarchia. Seguirono le stragi di centinaia di ‘sospetti’ e la proclamazione (21 settembre) della Repubblica da parte della Convenzione, eletta a suffragio universale in sostituzione della Legislativa.

Si aprì un nuovo periodo, caratterizzato dalla liquidazione del passato (condanna a morte ed esecuzione di Luigi XVI e di Maria Antonietta nel 1793) e dall’aggravarsi del pericolo esterno. All’incubo dell’occupazione militare straniera si aggiunsero il precipitare della situazione finanziaria per le eccessive emissioni di assegnati, il duello mortale tra i girondini e i giacobini e la rivolta antirivoluzionaria scoppiata in vari luoghi.

5.3 La dittatura di RobespierreSgominato il partito della Gironda (2 giugno 1793), il potere si accentrò nelle mani del vero capo del partito giacobino, M. Robespierre. Fu il periodo del Terrore, dominato dal Comitato di salute pubblica e contraddistinto dallo sforzo continuo e fortunato contro la pressione militare straniera, da un esperimento di economia regolata (legge del Maximum), dall’ascesa politica delle classi meno abbienti. Ma la lotta intrapresa da Robespierre con le ali estreme del suo stesso partito (la destra dantonista e la sinistra hebertista), insieme con gli eccessi della sua dittatura, provocarono il crollo della politica giacobina e la giornata del 9 termidoro (27 luglio 1794).

5.4 Il DirettorioCessò così la fase radicale della Rivoluzione; la parte più ricca della borghesia riprese il sopravvento e, nel 1795, iniziò il periodo del Direttorio, oscillante senza posa tra una possibile restaurazione monarchica e una ripresa neogiacobina. Si giunse allora, grazie anche alle incessanti guerre che provocarono la trasformazione del soldato-cittadino del 1793 in soldato professionale, all’instaurazione della dittatura militare di Napoleone.

6. Il periodo napoleonico

6.1 Le campagne militari. – Dal successo delle imprese militari (conquiste di Belgio e Olanda, seguite dallo sfaldamento della coalizione antifrancese: Prussia, Spagna e Olanda firmarono, nel 1795, la pace; quindi campagna del 1796-97 di Bonaparte in Italia e conseguente trasformazione dell’assetto italiano), che con l’invio di sempre maggiori contributi finanziari dai paesi sottomessi salvarono il bilancio della F. rivoluzionaria, emerse il tentativo del potere militare di sostituirsi al potere civile, mentre le incertezze politiche del Direttorio scontentarono tutti.

6.2 Ilcolpo di Stato. – Abbandonando l’impresa d’Egitto, Bonaparte attuò, nel 1799, il colpo di Stato che pose fine al Direttorio e iniziò quel governo personale che solo lentamente si andò precisando sotto il profilo costituzionale. Per prima cosa Napoleone riorganizzò il paese attraverso le varie Costituzioni a carattere sempre più autoritario, con il Concordato del 1801, che poneva fine alla crisi religiosa, controbilanciato però dagli articoli organici dell’anno successivo, nonché con l’intensa opera legislativa e l’emanazione di Codici che resero per sempre impossibile il ritorno all’ancien régime; lo sviluppo dell’economia francese e la regolamentazione del credito nazionale. Infine, dopo una nuova fortunata campagna in Italia, Napoleone realizzò la pace (ritiro della Russia dalla coalizione; pace di Lunéville del 1801 con l’Austria; pace di Amiens del 1802 con l’Inghilterra), conservando le conquiste rivoluzionarie del Belgio e dell’Italia (Repubblica Cisalpina, dal 1805 Regno d’Italia).

6.3 L’ImperoL’avvento dell’Impero coincise, però, con il ritorno alla politica militare. Fino al 1814, le continue guerre portarono le truppe napoleoniche da un estremo all’altro dell’Europa. L’acme della potenza napoleonica si ebbe nel 1809, quando l’Austria, battuta a Wagram, firmò la pace di Vienna e concesse la mano dell’arciduchessa Maria Luisa a Napoleone. Ma la reazione nazionale della Spagna, il fallimento del blocco continentale per isolare l’Inghilterra, le scissioni nella stessa famiglia Bonaparte e, soprattutto, il continuo tributo di sangue e di ricchezza, cominciarono a minare la potenza napoleonica; la disastrosa campagna di Russia (1812) e le reazioni nazionali dei popoli oppressi fecero il resto: persa la partita militare nella grande battaglia di Lipsia (1813), dopo un’estenuante campagna di F., Napoleone fu costretto a sottoscrivere a Fontainebleau la propria abdicazione, per ritirarsi all’isola d’Elba (1814).

7. Dalla Restaurazione al Secondo Impero

7.1 Il ritorno dei Borbone. – Per volontà soprattutto dello zar Alessandro I e per l’attività del partito realista, furono restaurati i Borbone nella persona di Luigi XVIII (1814-24). Il periodo della Restaurazione, interrotto all’inizio dalla breve parentesi del ritorno di Napoleone dall’Elba e dei Cento giorni, ebbe due momenti diversi: nel primo, durato fino al 1824, il senso politico di Luigi XVIII impedì che la restaurazione monarchica e il ritorno dei nobili emigrati assumessero un carattere di totale negazione dei frutti del periodo rivoluzionario e napoleonico. Il secondo si identificò nella volontà reazionaria di Carlo X (1824-30), che fece suo il programma degli ultras, suscitando notevoli opposizioni nel paese.

7.2. Il regno di Luigi Filippo d’OrléansSeguirono la rivoluzione del popolo di Parigi (1830) e l’avvento della monarchia di Luigi Filippo d’Orléans (1830-48), che sancì il trionfo della borghesia finanziaria e commerciale. La politica di Luigi Filippo fu essenzialmente pacifica, ma la ristretta base censitaria del suo regime politico creò una pericolosa scissione tra paese legale e paese reale, mentre lo sviluppo industriale della F. favoriva il sorgere di un forte proletariato e il diffondersi di dottrine democratiche e socialiste. Il divieto del governo di tenere il grande banchetto che l’opposizione costituzionale aveva progettato per premere in favore di una riforma elettorale fu la scintilla per lo scoppio rivoluzionario: fu proclamata la Repubblica e costituito un governo provvisorio (1848).

Posted on

ITALIA

 

 

Posted on

FERRARI F40 : PROVA DOPO 30 ANNI

 

Ferrari F40: la nostra prova in pista 30 anni dopo

E’ stata la prima vera supercar dell’era moderna, esclusiva, dura e pura. Le nostre sensazioni di guida sul circuito di Fiorano a 30 anni dal debutto

Era il 21 luglio di trent’anni fa quando in una afosa mattinata fu presentata la Ferrari F40. La prima vera supercar dell’era moderna. Un’auto importantissima per quello che ha significato. Prima di tutto fu la prima Ferrari celebrativa: la volle Enzo Ferrari in persona per omaggiare i quarant’anni dalla fondazione dell’azienda, nata nel 1947. Ma la F40 è anche l’ultima vera Ferrari nata sotto la direzione e la volontà del grande costruttore di Maranello, che sarebbe morto un anno dopo, il 14 agosto 1988.

La F40 è un’automobile figlia ancora dei quei tempi in cui le auto sportive erano dure e pure. Aveva 478 cavalli, che oggi sembrano un’inezia e sono patrimonio di diverse berline sportive e anche di qualche SUV. Ma all’epoca una potenza del genere era inarrivabile. La F40 fu anche la macchina che inaugurò la moda delle supercar a prezzi mozzafiato. D’altronde eravamo nei lussuriosi anni ‘80, e la F40 costruita in tiratura limitata (mille esemplari previsti diventati poi 1311), era ambita da tanti nuovi ricchi. Talmente esclusiva che, venduta in origine da Maranello a 374 milioni di lire dell’epoca, nelle aste andò facilmente sopra il miliardo. Ferrari usava la F40 persino come benefit/cambio merce per pagare lo stipendio ai suoi piloti di F1 dell’epoca (Mansell, Prost) ed abbassare l’importo dovuto in contanti.

Negli Anni ’80 in Formula Uno dominava il motore turbo e la Ferrari era all’avanguardia nello sviluppo dei propulsori sovralimentati. Così fu deciso che la supercar pensata per celebrare i 40 anni del Cavallino doveva sfoggiare quella tecnologia che aveva portato la Ferrari a sfiorare i titoli mondiali con Villeneuve (1981), Pironi (1982), Tambay (1983) e poi con Alboreto (1985).

La F40 fu il frutto dell’evoluzione estrema di un modello precedente, la 288 GTO, la prima berlinetta turbo di Maranello. La GTO però era un’auto basata sulle forme e sulla carrozzeria di una normalissima 308, il modello base del Cavallino, e con la 308 si confondeva esteticamente. Per cui la tecnologia sotto il cofano non riceveva il giusto risalto d’immagine. Perciò Ferrari diede incarico all’ingegnere Nicola Materazzi, il responsabile tecnico del progetto F40, di estremizzare la GTO per trasformarla in una vera supercar celebrativa. Materazzi ricorse alla tecnologia più avanzata che Maranello potesse offrire. Soltanto per il telaio si optò per una tecnologia tradizionale: il classico traliccio in tubi, di tradizione Ferrari. Anche se Maranello già dal 1983 aveva cominciato a padroneggiare bene la tecnologia dei materiali compositi, kevlar e carbonio, per i telai F1, non esistevano i mezzi per produrre in piccola serie chassis in composito, pur se in pochi esemplari.

Si ricorse invece a vetroresina e kevlar sulla F40 per realizzare porte e cofani al fine di abbassare i pesi. Seguendo alla lettera òla regola numero uno delle corse: ogni chilo di troppo è dannoso perché penalizza le prestazioni. Per questo motivo l’interno della F40 è molto spartano: i sedili erano due gusci ricoperti di stoffa rossa, cruscotto ridotto al necessario, niente autoradio, persino i vetri furono sacrificati per finestrini di plastica con feritoia scorrevole come sulle auto da corsa. Unica concessione al comfort: l’aria condizionata perché il motore appena dietro l’abitacolo con gli enormi scambiatori di calore del turbo sovrastanti, scaldava più di una stufa.

Per l’aerodinamica della F40 l’ing. Materazzi prese ad esempio le forme dei prototipi gruppo B, le GT da corsa dell’epoca. Il muso divenne quasi a cuneo con i fari incastonati all’interno, ampio labbro deportante anteriore, un’enorme ala posteriore fissa per tenere giù il retrotreno perché la potenza era spaventosa per l’epoca. Il motore V8 2 litri turbo della GTO fu portato a 3 litri, mantenendo le bancate a 90° e si ottennero la bellezza di 478 cavalli. Al confronto con le hypercar di oggi da mille cavalli sembrano ben poca cosa, ma quei 478 cavalli erano peggio di altrettanti muli: scalciavano nella schiena come pazzi se non sapevi dosare il gas. E nel 1987 non c’erano software che addolcissero l’erogazione della coppia per rendere più “guidabile” un motore scorbutico come il turbo che soffriva di ritardi alla risposta. L’elettronica si limitava a comandare semplicemente l’iniezione e a ottimizzare i gravi problemi di raffreddamento che erano emersi nei collaudi con i prototipi. I primi sistemi di engine management moderni fecero capolino in F1 solo a metà anni ‘80 soprattutto per calcolare/dosare i consumi di una formula che aveva benzina contingentata. E questa necessità non serviva sui motori stradali.

Per tutti questi motivi, guidando una F40 oggi e confrontandola con le supercar moderne, ci si trova a concludere che sia una belva abbastanza intrattabileMichele Alboreto, pilota Ferrari F1 dell’epoca, la paragonava a un cane lupo: potevi accarezzarla ma dovevi sempre stare attento che non ti mordesse. E raccontò di come, durante un collaudo stradale, semplicemente sgasando da fermo al semaforo, avesse praticamente ustionato un ciclista dietro di lui per via della sfiammata in rilascio dallo scarico del turbo!

Abbiamo avuto l’emozione di guidare oggi, dopo tanti anni, una Ferrari F40. Seduti dentro questa berlinetta non sembra di stare in un’auto da strada, ma di immergersi in una vera auto da corsa gruppo B dell’epoca. Volante spartano, pedaliera in alluminio molto essenziale, nessun comando, nessuno switch da girare mentre si guida. Solo un continuo lavoro di controsterzo perché tenere le ruote dritte in accelerazione è affare per pochi. Il rombo è esaltante anche se si tratta di un turbo perché la F40 del nostro test è priva dei silenziatori stradali e ha tre bei collettori di scarico che escono quasi rettilinei girando sopra la V del motore fino in basso. Altro che rumore soffocato delle F1 turbo moderne!

Ho anche assaporato qualche giro sulla pista di Fiorano seduto di fianco a Dario Benuzzi, storico collaudatore del Cavallino. Mentre guida, lo osservo lavorare di frizione, gas, cambio e sterzo continuamente. La F40 è parecchio nervosa quando si accelera a fondo. Da zero a cento all’ora accelera in 4”1, che trent’anni fa era un tempo da Formula Uno mentre oggi è quello che riesce a fare una qualsiasi berlina moderna ben motorizzata, come ad esempio una BMW M3. La differenza è che accelerare da 0 a 100 km/h in 4 secondi con la M3 è un gioco da ragazzi: basta tenere giù il gas e l’elettronica aiuta a fare tutto il resto. Fare quel tempo nello scatto da fermo con una Ferrari F40 accelerando senza l’aiuto di controlli elettronici e dosando il patinamento delle ruote, è un’impresa per pochi esperti. La coppia massima è tanta a causa del turbo (577 Nm) e soprattutto viene erogata a un regime elevato, a 4000 giri. Per cui quando il motore entra in coppia, è come ricevere una botta nella schiena. Puoi avere le ruote davanti dritte quanto vuoi, ma nelle marce basse le ruote pattinano continuamente, il motore sale di giri e il retrotreno scappa via.

Il cambio è di quelli old style: una bella leva con 5 marce a innesti frontali (solo alcune F40 disponevano di questa variante racing della trasmissione) duro che più duro non si può: richiede una decisa doppietta da eseguire alla perfezione per riuscire a scalare le marce. Osservare il punta/tacco di Benuzzi, vedere i suoi piedi muoversi rapidamente fra i pedali in alluminio come ballasse il tip-tap, è un vero piacere per gli appassionati di guida sportiva. Se non sa eseguire la doppietta alla perfezione lui, che con i ruvidi cambi Ferrari c’è cresciuto, chi altro?

“Anche se sono passati quasi trent’anni – dice Benuzzi – la F40 è tuttora una vettura che fa venire i brividi. Ci vuole rispetto, ma si lascia guidare. All’inizio devi prenderla con le molle: in uscita di curva se non dosi bene il pedale del gas, rischi di girarti facilmente su te stesso. Però la macchina si dimostra molto neutra e stabile anche con i riferimenti odierni. Per come va forte in pista, non diresti che sono passati trent’anni”.

Riguidandola oggi, Benuzzi apprezza soprattutto una cosa della F40:“L’auto è leggera. Un colpo di sterzo e cambi direzione facilmente. È maneggevole, diretta”. Notevole, pensando che non ha nemmeno il servosterzo e lo sterzo è durissimo nelle manovre a bassa velocità. In effetti la F40 pesa appena 1100 kg perché è spoglia di tante tecnologie oggi obbligatorie. Un supercar dura e pura. Nell’essenza e nella guida. “Ancora oggi guidarla mi fa venire la pelle d’oca”, conclude Benuzzi estasiato.

Posted on

STAR TREK

 

How to catch every reference in Star Trek: Picard: Remembrance

CLOSE
Volume 0%
PLAY SOUND

Star Trek: Picard is finally here, and it dives headfirst into classic Star Trek lore. Whether you’re just learning about the Enterprise’s exploits for the first time, or simply need a refresher after almost 20 years away from the title character, I’ve put together a handy guide.

While watching Star Trek: Picard’s first episode, Remembrance, I made a list of references to specific episodes and movies in previous Star Trek series. In some cases, watching these stories is necessary to understanding Picard’s plot; in some cases, they add another layer of texture to the story; in some cases, they’re just fun Easter eggs.

While this list isn’t 100% comprehensive (I couldn’t identify the book in Picard’s vault, or a lot of the tiny objects in display cases), here’s a list of episodes and movies to watch if you want to understand every last detail in Remembrance.

(SPOILERS for the first episode of Star Trek: Picard, for those who haven’t seen it yet. You can check availability for the episodes and movies below on JustWatch.)

All Good Things… (The Next Generation, Season 7, Episodes 25 and 26)